Menu

TECNOLOGIA E TRADIZIONE

La cantina è il luogo in cui la tradizione delle nostre aziende si sposa con il nuovo mondo enologico. Negli ultimi anni sono stati fatti importanti investimenti nella più avanzata tecnologia enologica, con il fine di ottenere dalle nostre terre il vino migliore, perché “il solo frutto non ce la fa ad essere vino”. Presse a carica assiale, celle frigo, vasche in acciaio coibentate e a refrigerazione su 

 due livelli, scambiatore di calore a doppio tubo, ed esteso utilizzo del freddo sono gli strumenti che ci permettono di sfruttare al massimo le potenzialità innate nel prodotto che ci giunge dalla terra naturalmente. L’igiene controllata lungo l’intera filiera di produzione e semplici principi fisici sono i segreti per limitare l’uso di anidride solforosa e portare sulle vostre tavole il miglior Gavi.

25mila

QUINTALI DI UVA

2milioni

LITRI DI VINO

Rovere/Acacia

BARRIQUES

350mila

BOTTIGLIE

L’ENOLOGO

E’ qui che Andrea Pancotti, insieme al suo team, coordina le fasi che portano alla creazione del prodotto, dalla definizione del calendario della raccolta dell‘uva, all’imbottigliamento e affinamento in bottiglia. Un impegno sostenuto con passione, dedizione e costante ricerca.

LA CANTINA IN VENDEMMIA

Quando l'uva arriva viene pesata, gradata e scaricata in base alla gradazione zuccherina e alla tipologia. La pressa sgronda il mosto e scarica nella sua vasca fiore adibita che consta di una valvola in acciaio da cui si preleva il prodotto e lo si manda in refrigerazione e chiarifica.

DALLA VASCA AL CONSUMATORE

La regolamentazione per i vini DOCG è precisa e la tecnologia presente nella nostra cantina ci permette di rispettarla appieno. Con igiene e temperature sotto controllo, di ogni singola vasca l’enologo ha una tracciabilità precisa e dettagliata e su queste basi può “tagliare” il prodotto in modo da ottenere il vino che corrisponde alle differenti etichette presentate dalla cantina. La cantina produce circa 350 mila bottiglie all’anno, un dato in costante crescita. Questa produzione rappresenta il 14% del vino in cantina, poiché il prodotto restante viene venduto sfuso e imbottigliato presso cantine piemontesi che necessitano di un bianco a complemento dell'alta gamma dei vini rossi di loro produzione.